Il miglior rifiuto è quello non prodotto.

Riduzione, Riuso, Riciclo e Recupero. Le 4R

Il riuso va inteso come un’alternativa al concetto dell’usa e getta. Esso si attua quando le funzioni per cui è stato creato l’oggetto sono riviste alla luce di un suo nuovo ed originale utilizzo. Diversamente, il riciclaggio impone la distruzione del rifiuto per creare nuovi diversi oggetti o prodotti.

Il riuso è definito come la seconda delle “4R”; Riduzione, Riuso, Riciclo e Recupero[2].

wikipedia.it

Quando parliamo di riciclaggio dei rifiuti, non dobbiamo dimenticare che l’ideale sarebbe produrne di meno. Sembra una banalità, ma troppo spesso ci accontentiamo di saper riciclare i materiali e non teniamo conto del dispendio di energie che ne deriva. Inclusa l’immissione di gas serra.

Un concetto che sta accanto al RICICLO è appunto quello del RIUSO. Riutilizzare gli oggetti, senza scomporli nei vari materiali. Oltre agli esempi più creativi (di cui non possiamo riempirci la casa), dobbiamo pensare ad altro di più strutturale.

Un esempio?

Imballaggi riutilizzabili! Il vuoto a rendere non solo con il vetro, ma anche con gli altri materiali. Molte aziende hanno iniziato a fare qualcosa, speriamo che se ne aggiungano molte altre e che diventi la normalità.

Scritto da Ernesto Martin