Maggio 11, 2017 News Nessun commento

Alzi la mano chi di voi “non” ha mai desiderato, durante l’infanzia, di poter avere una casa sull’albero tutta per sé! Beh, in Scozia non è più solo un sogno da bambini, la ‘eco-treehouse’ sta infatti sfidando la bioedilizia. Si tratta di una casa progettata da Anthony Leung e costruita attorno a un albero che ne funge da supporto centrale.

“Strutturalmente, un tronco d’albero con un diametro piuttosto grande è sufficientemente forte e stabile da supportare il peso di un’abitazione e da resistere a compressione e tensione – spiega Leung – E riesce a trasportare e trasmettere i carichi del pavimento alle fondazioni”.

Il concept di Leung si affida completamente ed unicamente alle risorse naturali: grazie a piante rampicanti che ricoprono le pareti esterne e a lastre in legno che come risaputo hanno ottime proprietà di isolamento termico. In questo modo la struttura riesce a regolare la temperatura esterna senza ricorrere a impianti meccanici. Il processo naturale di evapotraspirazione della vegetazione regola ulteriormente il clima interno, contribuendo anche a mitigare l’effetto isola di calore, tipico degli ambienti urbani.

Il sistema con cui l’intera abitazione funziona, si auto-alimenta, in un ciclo virtuoso e interamente sostenibile. Un’idea nata per tornare a vivere in armonia con la natura, sfruttando le conoscenze acquisite in tutti questi anni e utilizzando tecniche e tecnologie in modo eco-friendly. “Il nostro progetto di case sugli alberi- conclude l’ingegnere- non è stato pensato per un luogo specifico ma lo vediamo piuttosto come una spinta a una riflessione profonda sulla progettazione e sulla necessità di invertire la rotta rispetto ai modelli costruttivi tradizionali“.

 

 

Scritto da Laura Sgobbi